PB Salute Logo

Adenoma sebaceo

11 Gennaio 2021 - Ultima modifica: 27 Gennaio 2021

Indice:

  1. Che cos’è e quali sono le cause
  2. I sintomi
  3. La sindrome di Muir-Torre
  4. La diagnosi
  5. La cura

Adenoma sebaceo: che cos’è e quali sono le cause

L’adenoma sebaceo è una neoformazione di natura benigna che generalmente compare in pazienti oltre i 50 anni di età. Ad oggi non sono chiare le cause della sua insorgenza.

Clinicamente si presenta sotto forma di piccoli rilievi cutanei (papule) oppure noduli di colore bianco-giallastro di piccole dimensioni (1-2 mm) con una lieve depressione centrale (ombelicatura). Le lesioni possono essere singole o, più comunemente, multiple, ma non sono confluenti; raramente diventano più grandi, potendo raggiungere anche i 5 cm.

Le sedi del corpo più colpite sono cuoio capelluto, fronte, tempie, collo, guance, regione perinasale e parte superiore del tronco. Sono esclusi i palmi delle mani e le piante dei piedi

Sebbene sia una lesione non maligna, l’adenoma sebaceo in alcuni casi va indagato per escludere che rappresenti il segno di una patologia ereditaria rara, la sindrome di Muir-Torre, che si caratterizza per adenomi sebacei multipli, tumori cutanei e altre neoplasie.

In altri casi la formazione può presentare caratteristiche sospette per un tumore maligno della pelle. Quando presenta degli elementi insoliti, il medico può richiedere la rimozione del nodulo per effettuare uno studio istologico.

Adenoma sebaceo: i sintomi

Di per sé l’adenoma sebaceo non provoca sintomi gravi o disturbi (prurito, dolore, ecc..) e non è contagioso, pertanto non è necessario alcun trattamento specifico.  Quando però presente su zone come viso, collo o decolleté, il soggetto preferisce rivolgersi allo specialista per la rimozione a esclusivi fini estetici.

Adenoma sebaceo: la sindrome di Muir-Torre

La sindrome di Muir-Torre (MTS) è una sindrome autosomica rara che si caratterizza per la comparsa incontrollata di adenomi sebacei multipli e tumori della cute, in associazione a tumori viscerali (vie genito-urinarie, apparato gastrointestinale). I soggetti con sospetto diagnostico sono meritevoli di approfondimenti come TC e RMN, counselling genetico e, a differenza dei pazienti sani, hanno indicazione alla asportazione dei noduli.

Diagnosi

La diagnosi è piuttosto semplice. È infatti sufficiente un corretto esame obiettivo da parte del medico specialista, previa raccolta di informazioni anamnestiche per escludere la familiarità con altre patologie più gravi.

Cura

A meno di disagi estetici o di complicanze (sanguinamento o sovrainfezione), l’adenoma sebaceo generalmente non necessita di rimozione in quanto diversi studi hanno dimostrato che esso non diffonde né provoca danni significativi all’organismo.

Se non mostrano delle caratteristiche insolite ed è stata esclusa la diagnosi di MTS, le formazioni non vengono rimosse a meno di ragioni puramente estetiche. La tecnica più efficace di rimozione è il laser ad anidride carbonica, a seguito del quale si forma una piccola ferita che cicatrizza in poche settimane. I risultati sono ottimi e nella maggior parte dei casi non si osservano recidive.