PB Salute Logo

Tumore alla vescica

Dott. Federico Beretta

Dott. Federico Beretta


Medico Chirurgo

20 Maggio 2021

Indice:

  1. Tumore alla vescica: che cos’è
  2. Quali sono le cause
  3. I sintomi
  4. Diagnosticare il tumore alla vescica
  5. La terapia più adeguata

Tumore alla vescica: che cos’è

Il tumore alla vescica è una trasformazione in senso maligno delle cellule – principalmente quelle chiamate cellule transizionali – che ricoprono le pareti interne della vescica, l’organo deputato a raccogliere ed espellere l’urina, una volta che questa è stata filtrata dai reni.

In alcuni casi, le cellule transizionali smettono di funzionare correttamente, iniziando a crescere e a dividersi in maniera incontrollata formando una massa tumorale.

A seconda delle cellule coinvolte in questa proliferazione incontrollata, i tumori della vescica possono essere di tre tipi:

  • Carcinoma a cellule di transizione

Il carcinoma a cellule di transizione è il tumore più diffuso – si stima circa il 95% dei casi – e prende origine dalle cellule che rivestono internamente la superficie della vescica. La stessa tipologia di cellule riveste internamente anche uretra e uretereo, i quali rappresentano altri sedi soggette allo sviluppo di questa particolare forma di tumore, anche se meno frequentemente.

  • Carcinoma squamoso primitivo

Il carcinoma squamoso primitivo – forma tumorale poco frequente – colpisce le cellule squamose della vescica e pare essere causato da un’infestazione parassitaria.

  • Adenocarcinoma

L’adenocarcinoma è una formazione tumorale, piuttosto rara in questa sede, che si sviluppa a partire dalle cellule che compongono le ghiandole presenti all’interno della vescica.

Il tumore alla vescica rappresenta in urologia circa il 3% di tutte le formazioni tumorali riscontrate (fonte: AIRC) e, in percentuale, colpisce più frequentemente i soggetti di sesso maschile che femminile in misura di 3:1. In genere, si sviluppa in soggetti di mezza età o età avanzata: tra i 60 e 70 anni di età. 

Quali sono e cause del tumore alla vescica e i fattori di rischio

Come già accennato, il tumore alla vescica è causato dell’incontrollata proliferazione delle cellule della parete della vescica le quali – a causa di mutazioni genetiche – perdono la loro naturale capacità di controllare la replicazione e la differenziazione. Le cause delle alterazioni dei loro meccanismi fisiologici non sono ancora pienamente comprese, sono stati però individuati alcuni fattori di rischio che aumentano sensibilmente la possibilità di sviluppare questa forma tumorale.

  • Il fumo costituisce uno dei fattori di rischio principali. Un fumatore assiduo vede raddoppiate le possibilità di sviluppare un tumore vescicale rispetto ad un non fumatore. Fortunatamente, questo fattore di rischio dipende dalle abitudini della persona, facilmente correggibile grazie ad un percorso terapeutico adeguato. 
  • Il fattore occupazionale connesso a processi industriali è un fattore di rischio piuttosto importante. L’esposizione per lunghi periodi a idrocarburi policiclici aromatici – come possono essere quelli utilizzati nell’industria tessile, in quella dei coloranti, della gomma, del cuoio; parrucchieri, minatori e applicatori di pesticidi – sono maggiormente soggetti allo sviluppo del tumore alla vescica. Fortunatamente questo fattore di rischio è in lento ma progressivo calo grazie alle politiche e ai regolamenti che limitano l’uso di sostanze nocive.
  • Le infezioni vescicali – specie quelle da schistosoma haematobium – rappresentano un importante fattore di rischio per lo sviluppo di tumore alla vescica, specie in paesi quali la Tanzania, l’Egitto, l'Iraq, il Kuwait dove alcune infezioni parassitarie sono decisamente più diffuse. Alle latitudini occidentali, il rischio di sviluppare il tumore alla vescica è connesso ad infiammazioni urinarie croniche riscontrate in pazienti paraplegici, o cateterizzati o con un’importante forma di calcolosi renale.
  • Alcuni farmaci, sia chemioterapici (ciclofosfamide e ifosfamide) che di uso comune (fenacetina), sono stati identificati come possibili fattori di rischio per lo sviluppo del tumore vescicale. 
  • Una dieta sbilanciata concorre, assieme ad altri fattori di rischio, ad aumentare le possibilità di sviluppare un tumore alla vescica e dovrà, dunque, essere evitata.

Tumore alla vescica: i sintomi

I sintomi con cui il tumore alla vescica si manifesta non sono dissimili dalla sintomatologia che presentano altri tipi di disfunzioni e patologie a danno del sistema urinario:

  • Presenza di sangue nelle urine e formazione di coaguli.
  • Sensazione di bruciore intenso alla vescica durante le manovre che aumentano la pressione all’interno dell’addome.
  • Difficoltà e dolore connessi alla minzione.
  • Aumentato rischio di contrarre infezioni urinarie.

Il tumore alla vescica è imprevedibile e, pertanto, può produrre metastasi che attraverso il sistema linfatico raggiungono prima i linfonodi, per poi raggiungere il resto dell’organismo, arrivando a polmoni, fegato, ossa.

Per questo motivo, è importante non sottovalutare eventuali sintomi, anche se apparentemente trascurabili, e chiedere un consiglio al proprio medico di fiducia.

Diagnosticare il tumore alla vescica

Dal momento in cui ci si rivolge ad un medico specialista – in genere l’urologo, in collaborazione con l’oncologo – per sottoporsi alle indagini necessarie a diagnosticare un tumore alla vescica, i primi esami richiesti saranno l’ecografia e la cistoscopia.

La cistoscopia – utile a visualizzare l’interno della vescica e a prelevare contemporaneamente campioni del tessuto sospetto per poi analizzarli – consiste nell’esplorazione dell’organo mediante uno strumento a fibre ottiche. L’esame può risultare fastidioso ma di indubbia importanza ai fini di un’accurata diagnosi.

Sarà poi condotta un’indagine citologica su un campione di urina al fine di individuare possibili cellule tumorali all’interno della stessa.

Infine, esami come la TC, la PET e la scintigrafia ossea serviranno ad escludere l’eventuale presenza di metastasi.

Se l’ipotesi della presenza del tumore alla vescica venisse confermata, la formazione tumorale dovrebbe essere classificata in base al sistema TNM.

  • Parametro T: descrive dimensione e caratteristiche del tumore.
  • Parametro N: descrive l’eventuale interessamento di linfonodi.
  • Parametro M: descrive l’eventuale presenza di metastasi a distanza.

Tumore alla vescica: la terapia più adeguata

Il trattamento più adeguato al tumore alla vescica dipende da diversi fattori, connessi alle caratteristiche e allo stadio di avanzamento del tumore stesso.

Lo specialista oncologo è il medico più appropriato per identificare il percorso terapeutico migliore in base alle condizioni del paziente, il quale potrà prevedere:

  • Trattamento chirurgico

Si tratta della terapia primaria in caso di cancro alla vescica, condizioni del paziente permettendo. A seconda delle caratteristiche e dell’estensione del tumore, verrà praticata l’asportazione della formazione tumorale dalle pareti della vescica per via endoscopica con un’operazione denominata TUR-V.

Potrebbe essere necessaria, nei casi più gravi, l’asportazione dell’intera vescica. I pazienti che hanno subito la cistectomia radicale saranno poi sottoposti a ricostruzione della vescica o ad una derivazione esterna mediante l’apposito sacchetto.

  • Trattamento medico

In relazione all’aggressività del tumore, dopo l’intervento chirurgico, potrebbe essere necessaria anche l’instillazione – per via endovescicale – di un trattamento medico a base di farmaci chemioterapici e/o immunoterapici.

Sarà, invece, necessaria la chemioterapia sistemica se si decide di non intervenire chirurgicamente o se il tumore alla vescica ha generato metastasi diffuse in altri organi del corpo.

  • Trattamento radioterapico

La radioterapia – svolta spesso in associazione alla chemioterapia – è una buona via alternativa alla chirurgia da percorrere in caso di carcinoma vescicale in pazienti non operabili.