PB Salute Logo
Dott. Nicola Pugliese

Dott. Nicola Pugliese


Medico Chirurgo

15 Novembre 2020 - Ultima modifica: 25 Novembre 2020

Indice:

  1. Introduzione
  2. Sintomi
  3. La diagnosi
  4. Trattamenti utili
  5. Fattori di rischio
  6. Prevenzione

Introduzione

L'osteoporosi è una malattia che rende le ossa deboli e fragili, così fragili che una caduta o anche uno stress lieve come piegarsi o tossire possono causare una frattura.

Le fratture correlate all'osteoporosi si verificano più comunemente nell'anca, nel polso o nella colonna vertebrale.

L'osso è un tessuto che viene costantemente scomposto e ricostituito. L'osteoporosi si verifica quando la creazione di un nuovo osso non tiene il passo con la perdita di osso vecchio. Si tratta quindi di una malattia sistemica dello scheletro, che colpisce uomini e donne. Farmaci, dieta sana ed esercizio fisico possono aiutare a prevenire la perdita ossea e/o a rafforzare ossa già deboli, agendo così da prevenzione contro l'osteoporosi.

Osteoporosi, i sintomi

In genere non ci sono sintomi nelle prime fasi della perdita ossea. Ma, una volta che le ossa sono state indebolite dall'osteoporosi, si può manifestare una sintomatologia che varia da persona a persona:

  • dolore alla schiena, causato da una vertebra fratturata o collassata
  • perdita di altezza nel tempo
  • postura curva
  • ossa che si fratturano molto più facilmente del previsto

Osteoporosi, la diagnosi

Per la diagnosi dell’osteoporosi vengono utilizzati diversi strumenti:

  • esami del sangue: (emocromo con formula leucocitaria, elettroforesi delle proteine sieriche, creatinina, paratormone, Vitamina D 25-OH, fosfato inorganico, TSH reflex e calcio, telopeptide sierico) consente di valutare lo stato di salute del metabolismo dell'osso e di escludere cause secondarie di osteoporosi
  • radiografia: in genere prescritta quando il paziente avverte un dolore o in caso di rottura, può evidenziare la presenza di osteoporosi (nel referto si leggerà “segni di osteopenia”)
  • MOC (Mineralometria Ossea Computerizzata): è l’esame più indicato per la diagnosi dell’osteoporosi, in quanto consente di misurare con precisione la densità minerale ossea nell’intero scheletro oppure in distretti scheletrici particolarmente predisposti alla perdita di massa ossea

Quali trattamenti sono utili per combattere l’osteoporosi

Le raccomandazioni sul trattamento si basano in genere su una stima del rischio di rottura di un osso.

Se il rischio non è elevato, il trattamento non andrà di norma ad includere i farmaci e si concentrerà sulla modifica dei fattori di rischio.

Bifosfonati

Sia per gli uomini che per le donne a maggior rischio di frattura, i farmaci per l'osteoporosi più di frequente prescritti sono i bifosfonati. Gli effetti collaterali includono nausea, dolore addominale e sintomi simili al bruciore di stomaco.

Le forme endovenose di bifosfonati non causano disturbi allo stomaco ma possono determinare la comparsa di febbre, mal di testa e dolori muscolari persistenti fino a tre giorni.

Anticorpi monoclonali

Il denosumab viene somministrato tramite iniezione sottocutanea ogni sei mesi. Ricerche recenti indicano che potrebbe esserci un alto rischio di fratture della colonna vertebrale dopo l'interruzione del farmaco. Una complicanza molto rara dei bifosfonati è l’osteonecrosi della mascella. Ciò può verificarsi dopo una procedura dentale invasiva come la rimozione di un dente.

Terapia ormonale sostitutiva

La terapia ormonale sostitutiva (TOS) è una terapia farmacologica basata sulla somministrazione di estrogeni. Dopo la menopausa, quando il rischio di osteoporosi si fa più elevato, le donne producono un basso livello di estrogeni: grazie alla terapia ormonale sostitutiva è possibile mitigare gli effetti tipici del periodo (a cominciare dalle vampate di calore) e - al contempo - prevenire l’insorgenza dell’osteoporosi nelle pazienti che hanno più possibilità di soffrirne.

Osteoporosi: fattori di rischio

Le ossa sono in costante stato di rinnovamento: il nuovo osso viene prodotto e il vecchio osso viene scomposto. Quando si è giovani, il corpo produce un nuovo osso più velocemente di quanto rompa il vecchio osso e aumenta così la massa ossea. Dopo i primi 20 anni questo processo rallenta: la maggior parte delle persone raggiunge il picco di massa ossea entro i 30 anni.

Con l'avanzare dell'età, la massa ossea si perde più velocemente di quanto venga creata. La probabilità che si sviluppi l'osteoporosi dipende in parte dalla quantità di massa ossea raggiunta in gioventù. Il picco di massa ossea è in qualche modo ereditato e varia anche in base al gruppo etnico. Più alto è il picco, più ossa si hanno "in banca" e meno è probabile che si possa sviluppare l'osteoporosi con l'avanzare dell'età.

I fattori di rischio

Una serie di fattori può aumentare la probabilità di sviluppare l'osteoporosi, tra cui età, razza, stile di vita e condizioni mediche e trattamenti. Alcuni fattori di rischio per l'osteoporosi sono fuori dal proprio controllo, tra cui:

  • sesso: le donne hanno molte più probabilità di sviluppare l'osteoporosi rispetto agli uomini
  • età: più si invecchia, maggiore è il rischio di osteoporosi
  • razza: si è a maggior rischio di osteoporosi se bianchi o di origine asiatica
  • storia familiare: avere un genitore o una sorella con l'osteoporosi espone ad un rischio maggiore

I livelli ormonali

L'osteoporosi è più comune nelle persone che hanno troppi o troppo pochi ormoni nel corpo. Nello specifico, i livelli di ormone sessuale abbassati tendono ad indebolire l'osso. Inoltre, la riduzione dei livelli di estrogeni nelle donne in menopausa è uno dei più forti fattori di rischio per lo sviluppo dell'osteoporosi.

Gli uomini subiscono una graduale riduzione dei livelli di testosterone con l'avanzare dell'età. È probabile che i trattamenti per il cancro alla prostata (che riducono i livelli di testosterone negli uomini) e i trattamenti per il cancro al seno (che riducono i livelli di estrogeni nelle donne) accelerino la perdita ossea.

Anche una quantità eccessiva di ormone tiroideo può causare perdita ossea.

I fattori dietetici

L'osteoporosi è più probabile che si verifichi nelle persone che hanno:

  • un basso apporto di calcio: una carenza di calcio per tutta la vita gioca un ruolo nello sviluppo dell'osteoporosi. Un basso apporto di calcio contribuisce alla diminuzione della densità ossea, alla perdita ossea precoce e ad un aumentato rischio di fratture;
  • problemi alimentari: limitare gravemente l'assunzione di cibo ed essere sottopeso indebolisce l'osso, sia negli uomini che nelle donne;
  • chirurgia gastrointestinale: un intervento chirurgico per ridurre le dimensioni dello stomaco o per rimuovere parte dell'intestino limita la quantità di superficie disponibile per assorbire i nutrienti, compreso il calcio.

Steroidi e altri farmaci

L'uso a lungo termine di farmaci corticosteroidi orali o iniettati, come prednisone e cortisone, interferisce con il processo di ricostruzione ossea. L'osteoporosi è stata anche associata a farmaci usati per combattere o prevenire:

  • le convulsioni
  • il reflusso gastro-esofageo
  • il cancro
  • il rigetto del trapianto

Il rischio di osteoporosi è maggiore nelle persone che hanno problemi di salute quali:

  • celiachia
  • malattia infiammatoria intestinale
  • malattia renale o epatica (specie colestatica)
  • cancro
  • lupus
  • mieloma multiplo
  • artrite reumatoide

Alcune cattive abitudini possono infine aumentare il rischio di osteoporosi:

  • stile di vita sedentario: le persone che trascorrono molto tempo sedute hanno un rischio maggiore di soffrire di osteoporosi rispetto a quelle più attive. Qualsiasi esercizio di carico e attività che promuovono l'equilibrio e una buona postura sono benefici per le ossa, ma camminare, correre, saltare, ballare e sollevare pesi sembrano essere particolarmente utili;
  • eccessivo consumo di alcol: il consumo regolare di più di due bevande alcoliche al giorno aumenta il rischio di osteoporosi;
  • uso del tabacco: il ruolo esatto del tabacco nell'osteoporosi non è chiaro, ma è stato dimostrato che il suo utilizzo contribuisce alla debolezza delle ossa.

Complicazioni

Le fratture ossee, in particolare nella colonna vertebrale o nell'anca, sono le complicanze più gravi dell'osteoporosi.

Le fratture dell'anca sono spesso causate da una caduta e possono provocare disabilità e persino un aumento del rischio di morte entro il primo anno dopo l'infortunio. In alcuni casi, possono verificarsi fratture vertebrali anche se la persona non è caduta. Le ossa che compongono la colonna vertebrale (vertebre) possono inoltre indebolirsi al punto da accartocciarsi, provocando mal di schiena, perdita di altezza e una postura curva in avanti.

Osteoporosi, come prevenirla

Una buona alimentazione e un regolare esercizio fisico sono essenziali per mantenere le ossa sane per tutta la vita.

Proteine

Le proteine sono uno degli elementi costitutivi delle ossa. Tuttavia, ci sono prove contrastanti sull'impatto dell'assunzione di proteine sulla densità ossea. La maggior parte delle persone assume molte proteine nella propria dieta, altre ne introducono una quantità insufficiente. Non c’entra quanta carne si mangia: vegetariani e vegani possono assumere abbastanza proteine nella dieta se cercano intenzionalmente fonti adeguate come soia, noci, legumi, semi per vegani e vegetariani e latticini e uova per vegetariani. Gli anziani tendono però ad assumerne una quantità inferiore, e a necessitare dunque un’integrazione.

Peso corporeo

Essere sottopeso aumenta la possibilità di perdita ossea e fratture, ma è noto anche che l'eccesso di peso aumenta il rischio di fratture. Per questo motivo mantenere un peso corporeo appropriato fa bene alle ossa così come alla salute in generale.

Calcio

Uomini e donne di età compresa tra 18 e 50 anni necessitano di 1.000 milligrammi di calcio al giorno. Questa quantità giornaliera aumenta a 1.200 milligrammi quando le donne compiono 50 anni e gli uomini 70. Buone fonti di calcio includono:

  • latticini a basso contenuto di grassi
  • verdure a foglia verde scuro
  • salmone in scatola o sarde con lische
  • prodotti a base di soia, come il tofu
  • cereali arricchiti con calcio
  • succo d'arancia

L’assunzione totale di calcio, da integratori e dieta, non dovrebbe essere superiore a 2.000 milligrammi al giorno per le persone di età superiore ai 50 anni.

Vitamina D

La vitamina D migliora la capacità del corpo di assorbire il calcio e migliora la salute delle ossa in numerosi modi. Le persone possono assumere parte della vitamina D necessaria dalla luce solare, ma questa potrebbe non essere una buona fonte se si vive a latitudine elevata, se si è costretti a casa, se si usa regolarmente la protezione solare o se si evita il sole a causa del rischio di cancro della pelle.

Per ottenere abbastanza vitamina D per preservare la salute delle ossa si consiglia dunque agli adulti di età compresa tra 51 e 70 anni di assumere 600 unità internazionali (UI) e 800 UI al giorno dopo i 70 anni attraverso cibo o integratori. Le persone senza altre fonti di vitamina D e soprattutto con una limitata esposizione al sole potrebbero aver bisogno di un integratore. La maggior parte dei prodotti multivitaminici contiene tra 600 e 800 UI di vitamina D. Fino a 4.000 UI di vitamina D al giorno sono sicuri per la maggior parte delle persone.

Esercizio fisico

L'esercizio fisico può aiutare a costruire ossa forti e a rallentare la perdita ossea. L'esercizio giova alle ossa a prescindere da quando si inizia a praticarlo, ma si otterranno i maggiori benefici se si comincia a fare esercizio regolarmente da giovani e si continua per tutta la vita.

L’ideale sarebbe combinare esercizi di allenamento della forza con esercizi di carico ed equilibrio. L'allenamento di forza aiuta a rafforzare i muscoli e le ossa delle braccia e della colonna vertebrale superiore. Gli esercizi sotto carico, come camminare, fare jogging, corsa, salire le scale, saltare la corda, sciare e praticare sport ad alto impatto, influenzano principalmente le ossa delle gambe, dei fianchi e della colonna vertebrale inferiore. Esercizi di equilibrio come il tai chi possono infine ridurre il rischio di cadere soprattutto con l'avanzare dell'età.

Nuotare, andare in bicicletta e fare esercizio su macchine può fornire un buon allenamento cardiovascolare, ma non migliora la salute delle ossa.