PB Salute Logo

Sangue nello sperma

Dott. Nicola Pugliese

Dott. Nicola Pugliese


Medico Chirurgo

11 Dicembre 2020 - Ultima modifica: 18 Dicembre 2020

Indice:

  1. Che cosa significa?
  2. Le cause
  3. Diagnosi e cura

Sangue nello sperma: che cosa significa?

L’emospermia o ematospermia – la presenza di sangue nello sperma – è un evento che si verifica in seguito alla rottura di alcuni vasi sanguigni lungo il tratto che lo sperma percorre durante il fenomeno eiaculatorio.

Coloro che riscontrano il problema, ne descrivono l’aspetto visivo come sotto forma di chiazze o striature di sangue rosso vivo all’interno del liquido seminale; altri invece riferiscono che le perdite ematiche siano invece di colore marrone scuro.

L’incidenza di questa condizione medica è piuttosto elevata: molti sono infatti i pazienti che, almeno una volta nel corso della loro vita, hanno osservato la presenza di tracce di sangue nello sperma. Anche se il fenomeno in sé non è per forza preoccupante o indice di qualche altra patologia seria, si consiglia di consultare ugualmente uno specialista per effettuare analisi approfondite ed escludere altre patologie in corso.

Sangue nello sperma: le cause

Per andare ad indagare quelle che sono le cause dietro alla presenza di sangue nello sperma, è preliminarmente doveroso effettuare una chiara distinzione tra cause non patologiche e cause patologiche.

Cause non patologiche della presenza di sangue nello sperma

In genere, quando i pazienti che accusano questa condizione sono giovani, le cause dell’emospermia non sono considerate patologiche.

Il più delle volte questo si verifica o in seguito ad un prolungato periodo di inattività sessuale, oppure in seguito ad un periodo caratterizzato da una vita sessuale particolarmente attiva.

Cause patologiche della presenza di sangue nello sperma

In genere, adulti e anziani non sono soggetti ad episodi di emospermia. Quando invece questa condizione si verifica, bisogna assolutamente prendere nota della frequenza: un’occasionalità non deve preoccupare in maniera eccessiva; se invece gli episodi si fanno frequenti, questi possono essere campanelli d’allarme per patologie più serie che è bene indagare.

La presenza di sangue nello sperma può infatti essere ricondotta a patologie quali uretrite, prostatite, vescicolo-deferentiti. Meno comune ma comunque probabile è che il sangue nello sperma sia da ricondurre a specifiche infezioni come schistosoma, clamidia, trichomonas, cistiti emorragiche. Può anche verificarsi una presenza di sangue nello sperma in seguito a biopsia prostatica, a manovre invasive a carico dell’apparato urogenitale, calcoli renali, della vescica o dell’uretere.

In casi più gravi, emospermia può essere una sintomatologia legata al tumore della prostata, dei testicoli o della vescica.

Anche l’assunzione di alcuni tipi di farmaci, come anticoagulanti o antiaggreganti piastrinici, può favorire l’insorgere dell’ematospermia.

Diagnosi e cura

Nella maggior parte dei casi di ematospermia, la condizione si presenta in maniera occasionale e si risolve da sola senza la necessità di alcun tipo di intervento. Solo in casi più rari, quando la frequenza si fa più elevata, è il caso di rivolgersi ad un medico specialista che elabori una diagnosi ben precisa, per escludere la possibile presenza di patologie ben più importanti. È bene rivolgersi al medico se l’ematospermia compare in pazienti che abbiano superato i 40 anni di età, nel caso in cui il sanguinamento persista per più di 3 o 4 settimane consecutive senza mai regredire spontaneamente. La richiesta di consulto medico deve invece essere tempestiva se – oltre al sanguinamento – si verifica la presenza di dolori, fitte o bruciore ai genitali, durante l’atto eiaculatorio o durante la minzione.

Lo specialista eseguirà un’accurata anamnesi, accertandosi che nella storia clinica del paziente non vi siano casi di cancro, problemi di coagulazione, traumi, malformazioni genitali, o che non si siano verificati rapporti a rischio di infezioni sessualmente trasmissibili.

Se la situazione lo richiedesse, lo specialista potrebbe prescrivere una terapia farmacologica appropriata alla diagnosi effettuata.