PB Salute Logo

Piede torto congenito

Dott. Nicola Pugliese

Dott. Nicola Pugliese


Medico Chirurgo

1 Febbraio 2021 - Ultima modifica: 22 Febbraio 2021

Indice:

  1. Che cos'è
  2. Caratteristiche
  3. Tipologie
  4. Cause
  5. Esami e diagnosi
  6. Interventi

Piede torto congenito: che cos'è?

Il piede torto congenito è una malformazione del piede che si presenta fin dalla nascita. Il nome deriva dal fatto che la sua caratteristica principale è una deformazione del piede persistente che impedisce un normale appoggio a terra. Si tratta di una delle patologie congenite più frequenti, in seconda posizione solo alle malformazioni congenite cardiache.

Questa deformazione è diagnosticabile già in gravidanza ed è necessario intervenire tempestivamente per evitare complicazioni dovute all’appoggio scorretto del bambino su piedi e gambe.

Caratteristiche

Un bambino con piede torto congenito presenta fin dalla nascita un piede equino (ovvero la punta del piede è molto rivolta verso il basso), varo (il tallone risulta piegato verso l'interno) e supino (il piede è ruotato sull'asse longitudinale).

Nello specifico:

  • l'equinismo è l'atteggiamento del piede con iperflessione plantare superiore ai 90°, che può essere dovuto ad una retrazione del tendine di Achille;
  • il varismo è la deviazione dell'asse longitudinale del piede all'interno;
  • la supinazione è il sollevamento della pianta del piede sul lato interno dello stesso, ovvero l'appoggio prevalente sul lato esterno.

Tipologie

Il piede torto congenito si presenta varie forme:

  • piede equino-varo-supinato, che costituisce il 70% dei casi e si presenta in un caso ogni mille nati vivi, nella metà dei quali bilateralmente. In pratica l'astragalo (l'osso corto del piede situato nel tarso) scivola in avanti e medialmente. La parte posteriore del calcagno è sollevata, in equinismo, dal tendine di Achille. Il soggetto in pratica cammina sulla faccia esterna del piede, in posizione supinata. Inoltre la tibia è ruotata verso l'interno, con varismo dell'articolazione;
  • piede talo-valgo-pronato, il 10% dei casi, la condizione opposta alla precedente, in quanto il piede è flesso dorsalmente, in posizione di talismo, mentre l'avampiede è pronato e il retropiede è valgo;
  • metatarso varo o adotto, 15% dei casi, è una forma incompleta di piede torto congenito perchè interessa solo l'avampiede, che risulta varo;
  • piede piatto-valgo o reflesso, si verifica solo nel 5% dei casi ed è infatti una condizione molto rara ma anche grave in cui si verifica un rovesciamento dell'arcata del piede con la verticalizzazione dell'astragalo e del calcagno, quindi la faccia concava del piede non è più quella plantare, ma quella dorsale.

Cause

Le cause del piede torto congenito non sono ancora conosciute, ma ci sono diverse ipotesi a riguardo. Sembra vi sia il coinvolgimento sia di una predisposizione genetica che di fattori ambientali.

Tra i fattori ambientali, oltre alle carenze alimentari e vitaminiche della gestante, si ipotizza l'abuso del fumo.

Esami e diagnosi

La diagnosi del piede torto congenito può essere fatta in gravidanza attraverso un'ecografia. L'incidenza nel maschio rispetto alla femmina è circa 3/1 e la deformità si manifesta intorno alla 14/16esima settimana di vita intrauterina con un arresto della crescita di alcuni gruppi di muscoli della gamba, mentre tibia e perone continuano la loro crescita fisiologica. Quindi il piede subisce una deviazione mediale.

Per escludere una genesi malformativa di natura sindromica e neuro muscolare, ci si affida alla la diagnosi prenatale ecografica intorno alla 20 settimana di gravidanza, in occasione della valutazione morfologica. In questa occasione infatti il medico è in grado di escludere che il piede torto congenito sia legato a spina bifida, ad altre malformazioni della colonna vertebrale. Sollecitando i movimenti del feto si può escludere, almeno in parte, la presenza di patologie neuro-muscolari.

Anche dopo la nascita, il medico può richiedere radiografie del piede e della caviglia eseguite in carico (ossia stando in piedi), per avere un'indicazione sul grado della deformità e per valutare i cambiamenti che si sono verificati a livello dell'arto inferiore.

Interventi

A seconda della tipologia di piede torto congenito, ci sono diversi trattamenti previsti.

  • Piede equino-varo-supinato: è importante che la terapia sia precoce, quindi da cominciare nelle prime settimane di vita, per una buona riuscita della stessa e prevede manipolazioni seguite dall'uso di apparecchio gessato. Dopo il terzo mese si procede con un intervento chirurgico per l'allungamento del tendine di Achille, eventualmente associato a capsulotomia e ad allungamento di altri tendini muscolari.
  • Piede talo-valgo-pronato: il trattamento di questa tipologia di deformazione si basa su una terapia fisica e sull'uso di apparecchi gessati, solitamente sufficienti per la correzione.
  • Metatarso varo o adotto: applicando apparecchi gessati oppure procedendo con uno specifico intervento chirurgico di capsulotomia si può correggere questa tipologia di piede torto.
  • Piede piatto-valgo o reflesso: la terapia prevede manipolazioni allo scopo di correggere la contro-curvatura del tarso e aumentare l’elasticità del piede.