PB Salute Logo

Frenulo rotto

Dott.ssa Iolanda Rutigliano

Dott.ssa Iolanda Rutigliano


Medico Chirurgo

13 Gennaio 2021 - Ultima modifica: 27 Gennaio 2021

Indice:

  1. Introduzione
  2. Cosa si intende per frenulo rotto
  3. Le cause del frenulo rotto
  4. I sintomi
  5. Diagnosi
  6. Come viene curato
  7. È possibile che il frenulo si rompa più volte?

Introduzione

Un frenulo è una piccola porzione di tessuto connettivo che aiuta a proteggere il movimento di un organo del corpo, come la piega della pelle sotto la lingua, sotto il labbro superiore o che collega il prepuzio del pene. Normalmente con rottura del frenulo si intende la lacerazione del tessuto del prepuzio, problematica che riguarda esclusivamente gli uomini e che provoca sintomi dolorosi. Vediamo meglio tutto ciò che c’è da sapere a riguardo, quali sono le cause, i sintomi, come viene trattata questa condizione e quando è necessario un intervento chirurgico.

Cosa si intende per frenulo rotto?

Quando parliamo di rottura del pene, generalmente in realtà non intendiamo una rottura parziale o totale dell’organo in sè, ma una una lacerazione del frenulo del pene. Questo infortunio piuttosto spiacevole riguarda tantissimi uomini, è infatti più comune di quanto si possa pensare.

Prima di chiarire meglio quali ne sono i sintomi, come si cura e quale sia la causa, è opportuno fare una piccola precisazione. In anatomia, il termine frenulo non riguarda esclusivamente quello del pene, ma indica un sottile lembo di tessuto che fissa o limita di movimento di alcuni organi mobili o loro parti. Quindi, il corpo umano possiede numerosi frenuli, come il frenulo linguale, il frenulo labiale superiore, il frenulo labiale inferiore, il frenulo del velo midollare superiore, il frenulo della valvola ileocecale e – nelle donne – il frenulo del clitoride e il frenulo delle piccole labbra.

Quindi, il termine “rottura del frenulo” che viene comunemente utilizzato per intendere la lacerazione del frenulo del pene non è precisa e potrebbe essere impropria. In ogni caso, tale dicitura è ormai largamente impiegata e accettata anche nell’ambiente medico per intendere la rottura del frenulo del pene, dato che proprio il frenulo in questione è quello più soggetto a lacerazione e che quindi suscita un maggior interesse, in particolare nella popolazione di sesso maschile.

Le cause del frenulo rotto

La lacerazione del frenulo può dipendere da qualsiasi attività o procedura che coinvolga il pene. Diciamo che nella maggior parte dei casi i danni avvengono in seguito ad attività sessuale particolarmente intensa o durante la masturbazione eccessivamente vigorosa. Tuttavia è possibile assistere ad una lacerazione del frenulo anche in seguito a una normale attività sessuale, in particolare se ci si è sottoposti di recente ad altri tipi di procedure chirurgiche nella regione genitale. Esiste poi una piccola minoranza di casi in cui la lesione può essere autoinflitta, può essere iatrogena, ossia conseguenza di procedura medica, o avvenire per incidenti non legati al rapporto sessuale.

È poi possibile che il frenulo si danneggi per la presenza di alcune particolarità anatomiche che possono predisporre alla rottura, ovvero:

  • Frenulo corto: un’anomalia per cui il frenulo del pene è più breve rispetto alla norma.
  • Frenulo particolarmente sottile, che è quindi più soggetto a danneggiamenti.

Comunque, più della metà di tutti i casi che coinvolgono un frenulo lacerato insorgono a causa di traumi legati ai rapporti sessuali, in particolare in condizioni di sesso particolarmente violento.

I sintomi

Il sintomo principale di un frenulo lacerato è il dolore, che tende ad aumentare nei momenti in cui aumenta la pressione della zona, come avviene durante la masturbazione o i rapporti sessuali. Potrebbe anche accadere che ci sia sanguinamento dai genitali immediatamente dopo l’incidente, causato dalla lacerazione della pelle. Tuttavia, è anche possibile che questo sintomo non si presenti, ma che ci sia esclusivamente un dolore intenso, tale da impedire il proseguimento dell’attività.

Vale sottolineato che i sintomi di un frenulo lacerato non sono permanenti ma generalmente passeggeri. Con il tempo, infatti, il frenulo si riparerà da solo senza che siano necessari trattamenti particolari. Occorre notare, però, che il tessuto cicatriziale sostitutivo tende ad essere meno flessibile di prima: quindi, una volta che il frenulo è stato “rotto” sarà necessario prestare particolare attenzione perché l’evento non si ripeta.

Diagnosi

Di solito, la maggior parte degli uomini che decidono di richiedere una visita con uno specialista poiché lamentano questa patologia, sono in grado di ricordare ed individuare il momento esatto in cui si è verificata la lesione, il che può aiutare notevolmente nella diagnosi.

Per questo motivo, durante una visita andrologica, è importante che il medico rivolga al paziente domande sulle attività che egli stava eseguendo nei momenti che precedevano la presentazione dei sintomi. Seguirà poi un esame fisico per confermare la diagnosi. L’anamnesi e l’intervista al paziente saranno quindi accurate ed è fondamentale che le risposte fornite siano sincere al massimo per facilitare la diagnosi. I

n molti casi gli uomini opteranno per un’autodiagnosi, ma in ogni caso nella maggior parte dei casi non saranno necessarie indagini strumentali per individuare il problema, poiché sarà sufficiente un esame obiettivo del pene per avere la certezza di frenulo rotto.

Come viene curato

Come accennato, non esiste una terapia indicata per curare un frenulo lacerato, poiché il tessuto tende a guarire spontaneamente: sarà necessario solo tempo e riposo, che si traduce in astinenza dai rapporti sessuali. Quindi, agli uomini colpiti da rottura del frenulo verrà consigliato di evitare i rapporti sessuali per un determinato periodo in seguito all’incidente, in modo che il tessuto possa ripararsi al meglio.

La durata di questo periodo non è standard, ma può variare a seconda della gravità dello strappo e dei naturali tempi di recupero del paziente, può quindi variare da una settimana a diversi mesi. In generale, viene consigliato ai pazienti di ricominciare a svolgere attività sessuali quando si sentono bene e ritengono che la situazione patologica sia rientrata. Nei primi rapporti dopo l’incidente si consiglia di fare particolare attenzione, perché è molto probabile una lacerazione successiva, dato che il tessuto è ancora debole.

La mancata astensione dall’attività sessuale faciliterà decisamente possibili ricadute e ritarderà i tempi di guarigione. Ovviamente, eventuali ricadute o guarigioni più lente comporteranno gli stessi sintomi indicati per la prima rottura del frenulo, come sanguinamento e dolore intenso.

È possibile che il frenulo si rompa più volte?

Nonostante la ripresa possa essere rapida e non particolarmente fastidiosa, è probabile che la lacerazione del frenulo del pene si ripresenti spesso, nello stesso punto, anche quando la prima lesione sia guarita del tutto.

Se dovesse diventare una condizione che va ad inficiare la quotidianità e danneggia la qualità della vita del paziente, è possibile intervenire chirurgicamente, con un intervento chiamato frenuloplastica: in questo caso il lembo di tessuto verrà ricostruito più lungo in modo che la perdita di elasticità dovuta al tessuto cicatriziale non sia invalidante.

Dopo l’intervento, gli uomini che hanno subito questa procedura dovrebbero astenersi dalle attività sessuali per sei settimane per consentire la guarigione dell'area.

Questo tipo di intervento è assolutamente a basso rischio, quindi sicuro ed efficace: nella maggior parte dei casi si ottengono, quindi, buoni risultati senza complicanze. Generalmente l’operazione di esegue in anestesia locale. Dopo la sedazione il chirurgo inizierà la procedura praticando un’incisione del frenulo trasversale, che verrà poi ricucito longitudinalmente. La durata della frenuloplastica sarà di circa 15-30 minuti e dipenderà dalla complessità del rimodellamento. Per una giusta convalescenza – oltre all’astinenza – il medico potrebbe prescrivere alcune cure topiche, come pomate.

Prevenzione

Non esiste una vera e propria prevenzione per evitare lacerazioni del frenulo. Si può, tuttavia, evitare una masturbazione particolarmente vigorosa o rapporti sessuali eccessivamente energici.